Testamento di Pietro Quesada

Pietro Quesada, figlio di Francesco Nicola e di Margherita Pilo, nacque nel 1629. Celebre giureconsulto, fu nominato nel 1656 avvocato fiscale della regia governazione di Sassari e, successivamente, giudice della Reale Udienza. Fu autore di alcune opere giuridiche e di memorie che permettono di avere un quadro della vita nella Sassari del '600. Prese parte ai parlamenti schierandosi nel partito dei Castelvì.
Sposò Orsola Passamar da cui ebbe otto figli.
Il suo testamento, scritto poco prima della morte, fu utilizzato dal discendente Gavino Pilo de Quesada come una delle prove di ammissione all'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro.

 

Cagliari 14.9.1670

En nombre de Dios, y dela Santissima Trinidad Padre, Hijo, y Espiritu Santo. Amen.
Per quanto yo el D.r Don Pedro Quesada Juez de Corte de este Reyno por hallarme achacoso pienso passar à la Ciudad de Napoles para curarme siendo la voluntad de Dios, y es contingente ò que en la embarcacion, ò en la Cura Dios quiera servirse de mi.
Por tanto preveniendo esta contingencia, ordeno mi testam.to en la forma siguiente________.
Primeram.te ordeno que caso suceda mi muerte, que se me digam dosmil missas, es à saber mil por mi almas, y mil por mis padres, y à quien tengo oblig.on, à disposicìon de mi muger____________
Item iure legati dexo al combento de San Pedro de Sirchis dela Ciudad de Sasser de Frayles Observantes un censo, que tengo sobre el tercer Servicio de la Ciudad de Sacer de propiedad trecientos escudos paraq de su pencion cada ano se celebre la fiesta del glorioso S.n Diego de quien soy muy devoto, y el hijo primogenito mio q. es agora, o que serà tenga oblicacion de dar el dia de la fiesta à los frayles seis escudos por la comida, y à el dèn los frayles una vela, y en qualq.r tiempo, q este censo vaya mal, queda obligada toda mi hazienda à su coicion_______

Item declaro que estoy casado con mì muy chara, y amada mujer Dona Ursula Passamar, y que de ella hè recebido el dote que se contiene por apoca, è instrumento pub.co recebido en poder de Angel Martines not. Publico de la Ciudad de Sasser, à mas de la qual cantidad hè recebido cìen, y cinquenta escudos, es à saber cièn de Agustin Garrucho dela Villa de Tempio, y cinquenta de Dona Maria Satta dela Ciudad de Sasser por una deuda q. devian à su Padre Don Diego Passamar, quiero q sele dee todo el dote por entero, comprahendiendose en el la parte de su hermana Sor Theresa Passamar, q aunq haya hecho donacion de ella à mi mujer, y à mi, pero esto siempre se hà entendido, y entiende si mi mujer muriera antes, pero siendo la mia primero, es mi voluntad precisa de que à dha mì mujer sele restituiga su parte, y la parte de dha su hermana por su dote.___________
Item iure legati, por quanto hè tenido intencion si vivia de casar à mi hija Dona Esptephania, le dexo à mas de sus hermanos mil escudos del cuerpo de mi acienda.____________
Item declaro que La Ciudad de Sasser me suele pagar un olivello de ochenta escudos cada ano el dia segundo de La Pasqua de Pente Costes, y estos los suelen pagar los oficiales que sortean en los oficios, este censo lo dexo à mì hijo Don Fran.co Quesada vinculado perpetuam.te excluydas les hembras, aunq sean dela primera linea effectiva, sino que haya de passar al hijo segundo, et su in infinitum, y quiero que este censo no sele cuente mas que en precio de quatro mil libras de propriedad; y en lo de mas tenga la parte que le cupiere en la herencia como los de mas hermanos, contandosele en dha parte este censo.________________
Instituigo por mis heredos universales en todos mis bienes havidos, y por haver, derechos, y acciones, q me pueden pertenecer agora, ò en lo venidero à mis queridos y hamados hijos Don Francisco, Don Joseph, Don Diego, Don Antonio, Don Juan, Dona Maria, Dona Estephania y Don Christofal à iguales partes, entendiendose que casandose D.a Estephania le den del cuerpo de mi hacienda dhos mil escudos mas, como tengo dicho, y que à Don Fran.co en cuenta de su parte se sele senale el censo de La Ciudad; y los substituigo ad invicem, y en cas q muera uno sucedan los de mas, tanto en la pupilar edad, como fuera de ella, y tanto muriendo con testam.to, como sin el, mientras no tuvieren hijos legitimos, y naturales_____
Mando que caso suceda mi muerte en esta embarcacion se venda luego mi libreria, ò à menudo, ò per entero, dejando sessenta libros para Don Fran.co los que el escogiere, por via de donacion, sin passarle en cuenta nada; y tambien le dexo todo los libros castellanos, que tengo en dha mi libreria___________
Item elixo, y nombro mi chara, y amada mujer Dona Ursula Passamar por tuttora, y curadora, y administratora de Mis bienes, y hijos hasta que tengan edad de veynte anos; y esta cura sela dexo al uso sardesco, que no tenga obligacion de dar cuenta de fructo alg.o, y al hijo que contraviniere à esta mi voluntad, ò pusiesse pleyto contra su madre, desde ahora por entonces le quito la parte que le dexo y solo le dexo la legitima, y adjudico esta parte à los de mas hijos, que fueren obedientes_________
Revoco mas adelante cancelo y annulo con el pnte todos, y qualesquier otros testamentos, ò codicillos, que por mi fueren hechos en poder de qualesq.r notarios, ò escrivanos, aunq en ellos haya qualesq.a palabras derogatorias, de las quales deva de hacer expressa mencion por quanto de aquellos, y en dhas palabras derogatorias, en todo y por todo me arrepiento, y quiero que tansolam.te este valga, y sea à aquellos preferido.___________
Esta es mi ultima, y postrera voluntad, eo mi ultimo, y postrero testamento, la qual quiero que valga por derecho de testamento, e si non vale, ò valiere por derecho de testamento, quiero que valga por derecho de codicillo nuncupatìvo, ò de otra ultima, y postrera voluntad mia, que mejor de derecho, ò alias valer, y tener pueda._______
Hecho esta mi testamento en la casa de mi solita habitacion situada en el R.l Castillo de Caller hoy, que contamos catorze dias del mes de Sett.re ano dela Natividad de N.ro S.or Jesus Christo de 1670.__
Se+nal de mi dho testador, que este mi testamento le appruevo, ratifico, firmo y juro.

Don Pedro Quesada Pilo
testigo por mi dho testador llamados,
conoscidos, y rogados son el D.r Domingo Fadda y Andres
Farina Proc. P.l comorantes en esta Ciudad.

D.r Domingo Fadda
Andres Farina soy test

Cagliari 14.9.1670

In nome di Dio, e della Santissima TrinitàPadre, Figlio e Spirito Santo. AmenPoiché io Dottor Don Pietro Quesada, Giudicedella Corte di questo Regno, essendo leggermenteammalato penso di andare nella Città di Napoli percurarmi secondo la volontà di Dio, èprobabile che durante l'imbarco o lacura Egli voglia servirsi di me.Pertanto prevenendo questa probabilità, dispongoil mio testamento nella forma seguente_______.
Innanzitutto ordino che in caso di mia mortesi dicano duemila messe, vale a dire mille per lamia anima, e mille per quella dei miei genitori verso i quali mi sento debitore, e di cui disporrà mia moglie_____________
Item, iure legati lascio al convento di San Pietrodi Sirchis (Silki)della Città di Sassari dei Frati Osservanti, una pensione che ho sopra il TerzoServizio della Città di Sassari di trecentoscudi, perché con la sua rendita si celebri ognianno la festa del glorioso San Diego di cui sonomolto devoto, e il mio attuale figlio primogenito,o colui che lo sarà, abbia il dovere di dare il giornodella festa, sei scudi ai frati per il pasto, ed essigli diano in cambio un cero, e in qualsiasi momentoquesta rendita vada male, rimane vincolata tuttala mia proprietà a sua garanzia_______

Item dichiaro che sono sposato con la miacara e amata moglie Donna Orsola Passamar,la cui dote ho ricevuto con attopubblico, in potere di Angelo Martinesnotaio pubblico della Città di Sassari, oltre cui ho ricevutocentocinquanta scudi, vale a dire cento daAgostino Garruccio della Villa di Tempio,e cinquanta da Donna Maria Satta della Città diSassari per un debito che essi avevano consuoPadre Don Diego Passamar, e chiedo che lesia restituita tutta la sua dote per intero,compresa la parte di sua sorellaSuor Teresa Passamar, che l'ha donataa mia moglie, ed a me solo nel casoessa mi premorisse, ma se avvenisse prima la mia morte,è mia precisa volontà che allasuddetta mia moglie sia resala sua parte, e quella di sua sorella.__________
Item, Iure legati poiché è mia intenzione, in caso sopravvivesse, di far maritare mia figlia Donna Stefania, le lascio in più rispetto ai suoi fratelli, mille scudi dellaconsistenza dei miei beni.____________
Item dichiaro che la Città di Sassari è solitapagarmi il secondo giorno della Pentecoste,tramite degli ufficiali all'uopo sorteggiati,ottanta scudi ogni anno per un oliveto,rendita che lascio a mio figlio DonFrancesco Quesada a lui perpetuamente vincolato, e insuccessione deve passare al mio figlio secondogenito,e su in infinitum e che da questa siano escluse le femmine,anche se maggiori, desidero anche che questarendita non venga considerata più diquattromila lire e quando egli avrà la parte che glicompete della mia eredità, uguale a quelladegli altri fratelli, gli sia conteggiata questarendita_______________
Divido tra i miei eredi universali di tuttii miei beni attuali e futuri, i diritti e leazioni, che mi possono appartenere adesso,o nell'avvenire, ai miei cari ed amati figli DonFrancesco, Don Giuseppe, Don Diego, Don Antonio, Don Juan, Donna Maria, Donna Stefania, Don Cristoforo, in parti eguali, erimane inteso che se si sposasse D.a Stefaniale siano dati dal corpo dei miei beni i detti mille scudi in più, come ho detto, e che a Don Francesco inconto della sua quota gli si lasci la rendita dallaCittà; e che si succedano ad invicem, e in caso che unomuoia seguano gli altri, tanto in etàpupillare, come in età adulta, siamorendo con un legittimo testamento che senza,finché uno di loro non avrà dei figli legittimi e naturali_Nel caso io muoia in questo viaggio, ordino che sia subito venduta la mia biblioteca, o aldettaglio o intera, lasciando sessanta libriper Don Francesco che egli stesso sceglierà,in donazione, senza che siano considerati, come puregli lascio tutti i miei libri in castigliano, chepossiedo nella detta biblioteca___________
Item più nomino la mia cara ed amata moglie Donna Orsola Passamar tutrice, curatricee amministratrice dei miei beni e dei miei figli finchéabbiano raggiunto l'età di venti anni; e questo incaricolo lascio all'uso sardo, che non abbia obbligo di dare conto di alcun frutto, e al figlio che contravvenisse a questa mia volontà, o facessecausa a sua madre, verrà tolta la sua parte di eredità,ritrovandosi solo la legittima, e lascio questaparte che ho tolta, ai rimanenti figli che furonoobbedienti.Con il presente testamento revoco, cancello e annullo tutti gli altri precedenti, o icodicilli che furono fatti in procura di qualsiasi notaio o scrivano, in cui posso aver fatto uso di qualche parola derogatoria,delle quali voglio fare espressa menzione,perché di quelle parole io ora mi pentoe chiedo che sia valido solo questotestamento e che sia preferito a tutti gli altri.__________
Questa è la mia ultima ed estrema volontà, e il mioultimo ed estremo testamento, e chiedoche esso valga di diritto quale testamento, e se in questomodo non dovesse valere, chiedo che valga per diritto dicodicillo nuncupativo, o come altra mia ultima ed estrema volontà che si usi la forma che risulti migliore legalmente,così da valere ed avere potere._________
Faccio questo mio testamento nella casa dovesolitamente abito situata nel Real Castello diCagliari, oggi quattordici del mese di Settembredell'anno della Natività di Nostro Signore GesùCristo 1670. ________
Se+gno del testatore, che conferma che questomio testamento io lo approvo, ratifico firmo e giuro.

Don Pedro Quesada Pilo
testimoni per questo mio testamento chiamati
conosciuti e rogati sono il Dottor Domenico
Fadda e Andrea Farina Procuratore Pubblico dimoranti in questa Città

D.r Domenico Fadda
Andrea Farina sono test.

 

11 novembre 1670, Cagliari
Il notaio Andrea Farina pubblica il testamento di don Pietro Quesada Pilo a richiesta di Donna Orsola Passamar Quesadam sua vedova.

Lo present testament resta per mi Notari infrascrit publicat instant la Noble Dona Ursula Passamar, y Quesada viuda relicta del Nob.le y Mag.ch q.m D.n Pedro Quesada y Pilo del conseill de Sa Mag.d, entès lo qual te fet.de risposta que acepta tot y quant està dispost, y ordenat en dit testament, y que accepta dita cura ab benefici de Inventari, sens empero periudicarsi de tots los drets, que en qualsevols temps li competescan, ò competiran, los quals protesta restarli sempre salvos, è illesos.Testimonis son lo D.r Domingo Fadda y Andres Farina Proc. P.l en Caller comorants

D.r Domingo Fadda testimoni
Andres Farin soy test

Il presente testamento resta per me Notaioinfrascritto, pubblicato davanti alla Nobile Donna Orsola Passamar, e Quesada vedova del Nobile e Magnifico quondam Don Pietro Quesada e Pilo del Consiglio di Sua Maestà, la quale dichiara che accetta tutto quanto è disposto nel detto testamento e che accetta detto incarico ab benefici de inventari, senza tuttavia pregiudicarsi di tutti i diritti, che in qualsiasi tempo le competano o competeranno, i quali protesta rimanere sempre salvi ed illesi.Testimoni sono il D.r Domenico Fadda e Andrea Farina Procuratore Pubblico in Cagliari dimoranti

D.r Domenico Fadda testimone
Andrea Farina sono test.